Ombrelloni Ospitalità
Itinerari della Grande Guerra

Itinerari della Grande Guerra

Il Friuli Venezia Giulia è accomunato da una vicenda storica che ha cambiato le sorti dell'intero mondo: la Grande Guerra.

Sull'altopiano carsico, tra il 1915 e il 1917, italiani ed austro-ungarici dettero vita a dodici sanguinose battaglie durante le quali centinaia di migliaia di uomini persero la vita, tra le trincee scavate nella nuda roccia carsica o tra i pendii delle Prealpi Giulie. 

Tutte queste vicende si possono oggi riscoprire grazie ai musei all'aperto e agli itinerari della Grande Guerra, emozionanti passeggiate in mezzo a paesaggi naturali mozzafiato dove si possono rivivere le esperienze e la vita dei soldati. Come quasi un secolo fa, si può camminare lungo le trincee, ammirare le costruzioni militari e visitare i luoghi delle battaglie. Un viaggio affascinante nel passato che continua con la visita agli innumerevoli monumentisacrari, ossari e cimiteri di guerra dedicati alle vittime di questo gigantesco conflitto.

Diverse città e paesi ospitano interessanti musei, spesso dedicati alla Grande Guerra ed il loro territorio e forti militari, nati per la difesa dei confini all'inizio del XX secolo; un esempio è il Museo del Monte San Michele, recentemente rinnovato e diventato ora multimediale. Grazie alla realtà aumentata è possibile rivivere in prima persona alcuni drammatici avvenimenti di quegli anni.

 
 
 

Nonostante le sue ridotte dimensioni, questo musei rappresenta una significativa testimonianza delle difficoltà affrontate dai soldati italiani nei combattimenti in questa zona. Ai lati della porta d'ingresso del museo sono state posti due mortai da trincea o bombarde, le armi utilizzate per eccellenza durante la Grande Guerra. Nelle tre sale invece si trovano delle esposizioni fotografiche che mostrano l'attacco con il gas del 29 giugno 1916, il paesaggio carsico durante il periodo bellico e la vita dei soldati in trincea, nonché oggettistica varia tra cui proiettili, canne di fucile, maschere anti-gas ed effetti personali. Il piazzale antistante offre una meravigliosa vista sulla vallata dell'Isonzo e sulla città di Gorizia. Ancora oggi, guardando il panorama, si può intuire l'importanza di questa cima, la quale rappresentava un ottima postazione per il controllo del territorio. 

Oltre a San Martino del Carso, anche sulle alture alle spalle di Monfalcone e e sui monti Sei BusiSan MicheleCalvario e Sabotino si può riscoprire questa importante parte di storia. Non va dimenticato inoltre che a pochi chilometri di distanza sorgono altre importanti realtà legate alla Grande Guerra: i sacrari di Redipuglia ed Oslavia, l'Ara Pacis Mundi di Medea ed il Colle Sant'Elia

 

Contatti

Indirizzo Via Zona Sacra c/o cima del Monte San Michele
Telefono +39 0481 92002
Sito web http://www.itinerarigrandeguerra.it/Friuli-Venezia-Giulia

Informazioni utili

Orari 10 ottobre- 27 marzo: da martedì a domenica 9.00-13.00 / 14.00-16.00; 1° aprile - 30 settembre: da martedì a domenica: 9.00-12.30 /14.00-17.00
Prezzo 3,00 - 6,00 €

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sulle attività e proposte a Grado iscrivendoti alla nostra newsletter mensile.