Ombrelloni Ospitalità
L’arrivo delle Varvuole

L’arrivo delle Varvuole

Ogni anno, il 5 gennaio al tramonto, lo spettacolo arriva dal mare: dopo l’annuncio dell’araldo, dalla nebbia ecco spuntare le Varvuole a bordo delle “batele”, le tipiche imbarcazioni lagunari.

Nei loro cappotti di rete, con i capelli di fil di ferro, le gambe di legno, i lunghi denti appuntiti e gli occhi infuocati, tra grida agghiaccianti e vorticosi balli, le streghe arrivano sulla terraferma con un solo obiettivo: portare via i bambini cattivi. Secondo la tradizione, l’unico antidoto per combatterle è quello di strofinare con l’aglio gli infissi metallici della casa e, all’occorrenza, aspergere gli angoli delle case con l’acqua santa.

Si tratta della rievocazione di un’antichissima leggenda che affonda le radici nella storia, al tempo delle scorrerie dei bellicosi Uscocchi, i pirati provenienti dalla Dalmazia, che si riversavano sulle coste adriatiche per sfuggire all’avanzata dei Turchi, contro i quali combatterono ferocemente.
Erano pirati straccioni, ma formidabili guerrieri, spesso assoldati dagli austriaci, bardati con paradenti di ferro, gambali di legno e vestiti con ampie gonne alla moda turca, indumenti che influenzarono la fantasia popolare fino a trasformarli nelle streghe marine denominate Varvuole.

Contatti

Indirizzo Grado, Porto Mandracchio

Informazioni utili

Orari Immer am 5. Januar um 17:00 Uhr - Porto Mandracchio

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sulle attività e proposte a Grado iscrivendoti alla nostra newsletter mensile.